Ilaria Adamo non candidata in Forza Italia a Muggiò, Fabrizio Sala colpisce ancora e il partito affonda

Forza Italia in Brianza continua a soffrire, non solo nella perdita continua da anni di consensi con la gestione di Fabrizio Sala ma anche di pezzi di persone che vanno via in altri partiti o che vengano tagliati fuori. Non è un caso l’uscita di qualche settimana fa di Cristiano Puglisi passato a Fratelli d’Italia, per non parlare delle tante persone spesso donne con molta esperienza che hanno deciso di appendere al chiodo la politica. Adesso Federico Romani tramite i social ha sollevato il problema della mancata candidatura di Ilaria Adamo nella lista di Forza Italia delle prossime amministrative a Muggio. Zanantoni, forse con qualche accordo con il Commissario Sala, non ha candidato la giovane Ilaria Adamo, oltretutto consigliera uscente e nelle scorse amministrative arrivata seconda.

La polemica esplosa sui social ha visto forti critiche proprio verso il commissario Fabrizio Sala, da anni ormai solo al comando, che come unica strategia politica ha l’obiettivo di mantenere piatta Forza Italia per non avere problemi nella gestione del potere; gente che si ritira, che passa ad altri partiti, persone non ricandidate, consensi che continuano a calare! ma ad Arcore cosa dicono?

Intanto abbiamo rintracciato Ilaria Adamo e le abbiamo chiesto direttamente di quello che sta succedendo a lei e in Brianza in Forza Italia

Come è nata la passione per la politica?

La passione per la politica è nata quando avevo 15 anni. Seguivo mio padre in tutti i convegni e da lì è nata la mia passione. Sono sempre stata in Forza Italia, amo Silvio Berlusconi. Per lui mi sono sempre battuta. Ricordo ancora quando gli arrivò la statuetta in faccia, frequentavo la terza superiore e la maggior parte dei miei compagni era del Pd, litigai con tutti e presi anche una nota sul registro di classe per aver urlato e difeso il Presidente.

Ci racconti qualcosa della sua esperienza di consigliere comunale a Muggiò

Intanto vorrei ricordare che sono stata seconda degli eletti con 160 preferenze a soli 22 anni.

La mia esperienza da consigliere comunale è stata sicuramente una delle esperienze più gratificanti della mia vita. Ho conosciuto tanti cittadini, mi sono occupata sempre di loro, dalla mattina alla sera. A loro ho sempre cercato di risolvere qualsiasi problematica. Rispondo sempre al telefono e quando hanno bisogno mi faccio in quattro. Dico “gratificante” proprio perché ho avuto la possibilità di aiutare i più bisognosi, coloro che spesso e volentieri vengono dimenticati da tutti. Per me è importante rimanere vicino ai più deboli! Sono riuscita inoltre a far inserire il Wi-Fi nella biblioteca civica, ci sono voluti due anni ma ce l’ho fatta.

Tornado a oggi, in vista delle nuove elezioni amministrative, cosa è successo a Muggiò ?

Nella composizione delle liste ci sono dei problemi inerenti a discussioni che in passato si sono presentati con il candidato ZANANTONI. Ho presentato due mozioni: Wi-Fi in biblioteca e richiesta di un’area cani nel “bosco in città” ( area verde a Muggiò ai confini con Nova Milanese). Il capogruppo Zanantoni, ad oggi candidato del centro destra per la quinta volta, si è permesso a sfregio di leggere davanti al pubblico e con una diretta streaming i messaggi whatsapp scambiati tra me e lui. Ha utilizzato un tono talmente arrogante tanto che il pubblico era in imbarazzo per lui. Tutto perché lamentava il fatto che io non avessi condiviso con lui e gli altri due consiglieri le mozioni. In verità glielo avevo detto ma poi al protocollo l’ho presentata con la mia firma tanto poi sarebbe passata nella riunione dei capigruppo e quindi l’avrebbe vista prima del consiglio comunale. Lui ha sfruttato questo mio “errore” (non aver fatto firmare anche a lui le due mozioni) proprio per abbattermi politicamente ma fortunatamente riesco a difendermi bene. Da quel 7 marzo 2017 non ci siamo mai più parlati. Io con gli arroganti, presuntuosi e maleducati non voglio molto averci a che fare.

Il commissario Fabrizio Sala che ruolo ha avuto su questa questione e sulla sua persona?

Si è giunti a questa conclusione soprattutto per colpa del commissario Fabrizio Sala. È stato lui a chiedere esplicitamente, sui 5 comuni che vanno a ballottaggio, il comune di Muggiò. Ha chiesto un candidato di Forza Italia, lasciando agli altri comuni Lega e Fratelli d’Italia. Muggiò proprio per farmi fuori approfittando anche della situazione litigiosa tra me e Zanantoni. Dunque, ha scelto lui come candidato Zanantoni  in modo tale che lui non mi candidasse. Inoltre, Sala non ha candidato mio padre alle ultime provinciali e poi sottobanco cerca anche di eliminare me.

Insomma, Fabrizio Sala ha avuto un ruolo importante in questa vicenda?

Non trovo corretto che un vicepresidente di una regione così importante come La Lombardia perda il suo tempo con questi dispetti. Dispetti che vanno a colpire i più giovani senza motivo. È un chiaro segno di debolezza se un politico come lui cerca di far fuori coloro che portano tanti voti al partito che lui stesso rappresenta in prima persona. È inaccettabile! Una vergogna Spero che la mia voce insieme a quella dei miei elettori venga ascoltata. Stiamo lottando e non ci fermeremo.

Che futuro vede per Forza Italia in Brianza?

Il futuro per me è prosperoso, Forza Italia in Brianza ha bisogno di un cambiamento. Abbiamo bisogno di riavvicinare le persone alla politica. Io ce la sto mettendo tutta e sicuramente insieme a me ci sono tutti i miei amici. Ho 27 anni non mi faccio spaventare da questi dispettosi della politica. Voglio concentrarmi sul futuro e sono sicura che loro non riusciranno a fermarmi. Forza Italia in Brianza, per colpa di questo malsano comportamento, continua a perdere consenso. Io come tanti altri siamo stufi e ci stiamo mettendo a lavoro per fare qualcosa di grande! Come dice il nostro Presidente Silvio Berlusconi “l’amore vince sempre sull’invidia e sull’odio”

Massimiliano Buonocore

Se ti è piaciuto questo articolo lascia un commento o sottoscrivi il feed RSS per ricevere i prossimi nel tuo reader.

Massimiliano Buonocore

Editore, Direttore Responsabile