IL CANTANTE MASSY: “TOMMASO PARADISO HA COPIATO LA MIA BIG BLU”

di Stefano Bini

Big Blu è il nuovo singolo di Massimiliano Polato, 19 anni, in arte Massy. La canzone è un inno alla felicità: bella e allo stato puro, scritta con concetti semplici, moderni e senza eccessi. Massy, con questa melodia leggera e spensierata, premia un linguaggio diretto e senza fronzoli.

La voglia di divertirsi e gli amori estivi sono protagonisti di un inno alla felicità, dove una semplice gomma da masticare può convincere anche il ragazzo più timido di essere invincibile. A dargli dei consigli è il “maestro di seduzione” Valerio Merola, che si è prestato simpaticamente a interpretare un cameo.

All’interno del videoclip, ricco il cast di personaggi noti: la bellissima “Pupa” Martina Fusco, ma anche Ilenia De Sena, Alice Ghisellini, Giorgina Sparkling, le modelle Ra Model e Andrea D’Amanzo, Alessia Alberti, Diletta Tosetto, e i giovani attori Francesco Longo e Ada Petrone.

Massy, con la sua canzone, ci invita a riflettere e a rivalutare il sano divertimento senza eccessi, da condividere all’insegna della spensieratezza senza trucchi e senza inganni per una nuova e meravigliosa estate. L’amore non ha peso, età, colore o religione.

In tutto questo, c’è una nota stonata: il ritornello di Big Blu è davvero molto simile alla canzone Ricordami di Tommaso Paradiso; un inciso, è il caso di scrivere, che non fa certo onore all’ex leader dei The Giornalisti.

Nonostante il Covid, è stata un’estate impegnativa tra concerti e incontri. Come ha reagito il pubblico?
«Purtroppo, ammetto che il il Covid ha rallentato molto il mercato discografico, è vero, ma grazie ai social e internet la musica può arrivare lo stesso al cuore del pubblico, lo stesso pubblico che questa estate ha apprezzato il brano nei live all’interno del concorso delle tappe, ad esempio, di Miss Italia, del Cantagiro e Miss Blu mare dove sono stato invitato come ospite. Devo ringraziarli perché al termine di ogni data non è mai mancato il loro affetto».

Sei davvero giovanissimo, come ne pensano familiari, amici e fidanzata di questo successo?
«Sono molto lieto per questa tua domanda perché mi permette di rendere pubblico qualcosa che proprio per lamia giovane età non mi è stato permesso di fare: ringraziare le persone che mi sono vicino, mi aiutano a crescere giorno dopo giorno, gradino dopo gradino e mi danno la forza per studiare e cercare di migliorami dal punto di vista professionale ed interiore».

Il ritornello della tua Big Blu pare davvero molto simile a Ricordami di Tommaso Paradiso. Avete avuto modo di confrontarvi o fargli arrivare la cosa?
«Che cosa curiosa! Quando più di una persona me lo ha fatto notare, per un attimo, con il mio staff ci siamo detti: “uno non può fare una canzone che subito te la copiano. Scherziamo!”. Diciamo che in effetti la melodia è davvero molto simile e riconosco qualcosa di Big Blu. Diciamo che se il grandissimo Tommaso Paradiso si è inspirato in parte al mio pezzo si vede che qualche speranza ce l’ho di diventare un “artista”».

Al di là di questa spiacevole controversia, come passerai l’autunno e l’inverno? Ci saranno nuovi progetti?
«Sicuramente mi confronterò prima con Tommaso, così gli dico: “Che parte ti piace? Così la fai solo tu, stavolta!”. Mah no, scherzo ancora, ma sai, per me è stato qualcosa che mi ha lasciato così stupito che ancora penso alla domanda di prima. Mi dedicherò al mio nuovo singolo e continuerò a concentrarmi sul lavoro perché solo studiando si può toccare “il Paradiso” dellamusica. Quest’inverno penso proprio che mi dedicherò ad una crociera, magari per provare gli effetti della big blu in mezzo i mari, magari alla ricerca di qualche sirena»  

Credi di procedere per vie legali o lasciar correre?

«Procedere per via legali, no! Magari sarebbe bello ed un onore conoscerlo di persona per confrontarci e, perché no, gli proporrei di fare un duetto, o meglio ancora, aprire un suo concerto, magari con Big Blu»

Se ti è piaciuto questo articolo lascia un commento o sottoscrivi il feed RSS per ricevere i prossimi nel tuo reader.