I GRILLINI VANNO NELL’UMIDO O NELL’INDIFFERENZIATO?

di Endimion

Ormai il Movimento Cinque Stelle è un partito finito, poco credibile, che si sta sgretolando tra derive utopiche e simpatie per un Pd che ha sempre osteggiato.

Di Maio e Di Battista non sanno più che dire, Grillo parla a vanvera, al nord è al centro il movimento è scomparso, al sud regge perché si distribuiscono redditi di cittadinanza come se piovesse; il che è una male perché chi lo percepisce se ne sta beato sul divano, magari facendo qualche lavoro in nero. Il reddito aiuterà pure a mangiare, ma non di certo invoglia a cercarsi un lavoro, e intanto l’economia del sud è al disastro. Proprio per il sud, gli ignoranti del Movimento 5 Stelle avevano promesso più ricchezza, abbattimento della povertà, annullamento del tap e soluzioni per l’Ilvia di Taranto, invece si sono rivelati degli emeriti incompetenti come a Roma, Torino e come nel Governo Conte 1. Figuriamoci nel Governo Conte 2 dove, pur di non perdere 15mila euro al mese, stanno facendo disastri irrimediabili, alla faccia dell’ “honestà honestà”.

La cosa sconvolgente è che, alla soglia del 2020 e con tutti i problemi che affliggano il paese, i sondaggi li diano ancora al 15%, più che dimezzati in confronto allo scorso anno, ma sempre troppo. L’ignoranza è una brutta bestia e loro sono la bestia dell’Italia; tante volte l’ignoranza fa più danni di qualche sbrano.

Gli italiani non li vogliono, come non vogliono il Pd. Eppure son lì, tra cadute, ignoranza, risate alla spalle degli italiani e tanta incompetenza.

Se ti è piaciuto questo articolo lascia un commento o sottoscrivi il feed RSS per ricevere i prossimi nel tuo reader.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *