F1, test di Barcellona: Raikkonen rovina la ‘festa’ Ferrari.

l finlandese vola con l’Alfa Romeo, fermando il cronometro sull’1’17″762 davanti a Sebastian Vettel (1’18″350).

È l’Alfa Romeo di Kimi Raikkonen a spezzare l’egemonia della Ferrari nel terzo giorno di test sul circuito del Montmelò, a Barcellona. Il finlandese chiude la mattinata con il miglior tempo, fermando il cronometro sull’1’17″762 con gomme C5, quelle con la mescola più morbida. Secondo posto per Sebastian Vettel, che gira con gomme C2 e C3 e che chiude con il tempo di 1’18″350. Attardata, invece, la Mercedes di Bottas, nona con il crono di 1’20″693.

Kimi Raikkonen non ha dimenticato come si fa ad andare veloce con una monoposto in Formula 1, anche se non si tratta più della Ferrari. Dopo il dominio della scuderia di Maranello nei primi due giorni di test, con Sebastian Vettel e Charles Leclerc a far registrare i tempi migliori, la Rossa finisce alle spalle dell’Alfa Romeo del finlandese nella mattinata del day-3 a Barcellona, sul circuito del Montmelò.

Una sessione mattutina in cui, come già avvenuto nei due giorni precedenti, è il clima rigido ad accogliere i piloti e a incidere su tempi e prestazioni. I primi a scendere in pista sono Kimi Raikkonen, a bordo della sua Alfa Romeo, Niko Hulkenberg, sulla Renault, la Mercedes di Valtteri Bottas (Hamilton girerà nel pomeriggio), la Hass di Pietro Fittipaldi e la Toro Rosso di Daniil Kvyat. Poi è la volta di Sebastian Vettel che, prima rompe gli indugi con una serie di test aerodinamici, e poi stampa il miglior tempo con le gomme C2, fermando il cronometro sull’1’20″877. Niente da fare, invece, per la Williams di Russell, che non è ancora scesa in pista.
Con l’aumentare delle temperature si abbassano sensibilmente i tempi e il primo ad abbattere il muro dell’1’20 è Kimi Raikkonen, che piazza un eccellente 1’19″989. Il duello tra i due ex compagni di team si fa sempre più serrato, con il tedesco e ‘Iceman’ che premono il piede sull’acceleratore, cercando di abbassare il tempo e di strappare il miglior giro all’amico/nemico. Alla fine, a chiudere la mattinata al comando è proprio Raikkonen, che stampa un sensazionale 1’17″762 con gomme a mescola C5, la più morbida a disposizione dei team.

Alle sue spalle si conferma in grande spolvero la Ferrari di Sebastian Vettel, che raccoglie però quasi sei decimi di ritardo (+0″588) dall’Alfa. Buoni anche i tempi di Niko Hulkenberg (Renault) e Max Verstapppen (Red Bull), gli unici altri due a scendere sotto al muro dell’1’19. Quinta posizione per la Haas di Fittipaldi, che precede la McLaren di Sainz (protagonista di un fuoripista nella parte finale della mattinata) e la Toro Rosso di Daniil Kvyat. Più staccate, invece, la Force India di Perez e la Mercedes di Valtteri Bottas, che ha comunque effettuato la simulazione di un GP, portando avanti un lavoro essenzialmente incentrato sulla durata (sono ben 88 i giri compiuti dalla Freccia d’Argento del finlandese).

Una mattinata caratterizzata anche dalla bandiera rossa per un problema alla Haas di Fittipaldi, rimasta ferma lungo il percorso a quanto pare per un guasto meccanico.

I TEMPI DELLA MATTINA DEL DAY-3


1)  Raikkonen (Alfa Romeo) 1:17.762
2)  Vettel (Ferrari) 1:18.350
3)  Hulkenberg (Renault) 1:18.800
4)  Verstappen (Red Bull) 1:18.899
5)  Fittipaldi (Haas) 1:19.249
6)  Sainz (McLaren) 1:19.354
7)  Kvyat (Toro Rosso) 1:19.507
8)  Perez (Racing Point) 1:20.102
9)  Bottas (Mercedes) 1:20.693

TOTALE DEI GIRI

Bottas – 88
Vettel – 80
Raikkonen – 64
Hulkenberg – 63
Kvyat – 48
Fittipaldi – 48
Perez – 43
Verstappen – 33
Sainz – 27

FONTE: ARTICOLO TRATTO DA SPORTMEDIASET

Se ti è piaciuto questo articolo lascia un commento o sottoscrivi il feed RSS per ricevere i prossimi nel tuo reader.