Cos’è il galateo e da dove proviene?

Il galateo è sinonimo di etichetta o bon tono. Si identifica nella buona educazione e consiste nell’insieme di regole comportamentali e buone usanze a cui ciascun essere umano dovrebbe appoggiarsi nelle diverse situazioni della vita dove abbiamo a che fare con altre persone.

Possono essere situazioni particolari come festeggiamenti, celebrazioni di matrimoni o lutti. Altrimenti situazioni di tutti i giorni come una cena al ristorante, un incontro con un vecchio amico, un viaggio o un regalo.

La parola galateo deriva e il suo significato hanno origine dalla pubblicazione nel 1558 dell’opera letteraria di Giovanni Della Casa, intitolata Galateo overo de’ costumi. Ma la vera ispirazione dell’autore deriva dal vescovo Galeazzo Florimonte e alla forma latina del suo nome: Galatheus.

Il contenuto dell’opera presenta un dialogo tra l’autore e il nipote Annibale, dove vengono discusse tutte le buone maniere che un uomo di una certa classe doveva seguire. Tutte queste buone usanze sono state imparate da Giovanni Della Casa durante tutta la vita di uomo di chiesa e diplomatico, che si confronta quindi una una classe sociale piuttosto agiata nella metà del Cinquecento.

Oggi molte di quelle norme racchiuse nel galateo potrebbero apparire leggermente esagerate e diverse dal nostro comportamento comune, ma parliamoci chiaro, sembrare un uomo di altri tempi, oggi, non è assolutamente negativo!

Di Lea Svizzero

Se ti è piaciuto questo articolo lascia un commento o sottoscrivi il feed RSS per ricevere i prossimi nel tuo reader.