CI VORREBBERO TANTE GIORGIA MELONI

di Endimion

Al momento, Giorgia Meloni è il leader politico italiano che ispira più fiducia. Coerenza alle idee, nessun inciucio, attaccamento alla bandiera, difesa dei più deboli, sguardo rivolto sempre prima al suo Paese, e lo spasmodico amore verso gli italiani e la loro storia, con sofferenze e trionfi annessi, fanno di Giorgia Meloni una donna d’apprezzare e capo politico da ammirare.

Nel 2012, la partenza al 3% dei consensi, nel 2020 è terzo partito con un gradimento che sfiora il 17%, dietro un affaticato Pd e ad una Lega piena di conflitti interni; un orgoglio per tanti motivi, in primis perché è una donna, in secundis perché avuto il coraggio di abbandonare un grande partito come il Popolo delle Liberta senza battere ciglio, sprezzante del pericolo a cui andava incontro, cioè quello di sparire nella moltitudine dei partiti italiani.

La lungimiranza ha pagato, perché ora Giorgia Meloni rappresenta un leader pulito, non voltagabbana, rappresentante di una destra identitaria di cui l’italiano medio e il Paese sentono tanto il bisogno; la Meloni è la destra, critica con i suoi alleati ma sempre costruttiva, donna dal polso fermo in politica ma tenera come mamma, giustamente bacchettona verso l’Europa e asprissimima contro questa sinistra incapace, ignorante, troglodita e retrograda.

Con una Forza Italia che ha ripreso piglio e che rappresenta la parte liberale, una Lega che la fa da padrona nei sondaggi, seppur in calo in confronto ai mesi scorsi, Fratelli d’Italia è la perla che brilla all’interno della coalizione, per chiarezza delle idee, fermezza su alcuni punti e salvaguardia a 360° di tutti i settori del Bel Paese. Le regionali si avvicinato e per il partito di Giorgia Meloni si annuncia un trionfo senza precedenti.

Pezzi da novanta quali il sempreverde Ignazio La Russa, il giovane Giovanni Donzelli, il romanissimo Fabio Rampelli, il preparato Francesco Lollobrigida e il bravo Federico Mollicone fanno di Fratelli d’Italia un partito solido e radicato sul territorio, cosa di non poco conto.

Se ti è piaciuto questo articolo lascia un commento o sottoscrivi il feed RSS per ricevere i prossimi nel tuo reader.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *