Caso Maugeri: Roberto Formigoni è entrato nel carcere di Bollate.

Lʼex governatore lombardo si è presentato nel penitenziario accompagnato dal suo legale dopo la condanna a 5 anni e 10 mesi.

Roberto Formigoni è entrato nel carcere di Bollate (Milano). L’ex governatore della Regione Lombardia, che deve scontare la condanna a cinque anni e dieci mesi che gli è stata inflitta giovedì dalla Cassazione per la vicenda Maugeri, è giunto nel penitenziario accompagnato in auto dal suo legale. Vestito con un cappotto scuro, è entrato senza fermarsi dalla porta carraia e si è poi avviato a piedi verso l’ingresso.

Chiesti i domiciliari – La difesa di Roberto Formigoni ha depositato una istanza per chiedere la detenzione domiciliare per l’ex governatore lombardo. La richiesta è stata presentata dall’avvocato Mario Brusa, suo storico difensore, al sostituto procuratore generale di Milano Antonio Lamamma. La richiesta si basa soprattutto sull’età anagrafica dell’ex governatore, che ha superato i 70 anni. Per questo, secondo i suoi legali, Formigoni avrebbe il diritto di beneficiare della detenzione domiciliare.

Procura pronta a dire no alla richiesta – La Procura generale di Milano è pronta a dare parere negativo all’istanza di detenzione domiciliare presentata dalla difesa di Roberto Formigoni. Negli uffici giudiziari si fa notare che per il reato di corruzione, in base alle nuove norme della legge “spazzacorrotti”, come per altri reati contro la pubblica amministrazione non possono essere concesse al condannato in via definitiva misure alternative al carcere per scontare la pena. Sull’istanza deciderà la Corte d’Appello.

FONTE: ARTICOLO TRATTO DA TGCOM24

Se ti è piaciuto questo articolo lascia un commento o sottoscrivi il feed RSS per ricevere i prossimi nel tuo reader.