BERLUSCONI-BERTOLASO-DRAGHI, SUBITO!

di Endimion

In un momento in cui vediamo la nostra povera Italia assediata dal Coronavirus (o Vairus, come direbbe quell’ignorante di Di Maio), dai discorsi tardivi e sconclusionati di Conte, autocertificazioni a raffica, dai messaggi mediatici dell’ex gieffino Rocco Casalino, da un governo che non sa dove sbattere la testa e virologi\dottori che dicono un giorno una cosa e il dì dopo l’altra, è oggettivo che ci sia bisogno e voglia di certezze e rassicurazioni.

Sensazioni che non ci può dare certo il Governo Conte, incapace di parlare al popolo e visto come un esecutivo che appare smarrito; si paventa da giorni l’arrivo di Mario Draghi a Palazzo Chigi, il quale sarebbe una mano dal cielo per tutta la nazione, anche considerando il fatto che, passata quella del virus, ci sarà una crisi economica devastante. Draghi ha le competenze per portare sulla retta via un paese che si rialzerà, per l’annesima volta, acciaccato ma entusiasta; inoltre, i buoni rapporti con la maggior parte dei politici italiani e con l’Europa gli permetterà di avere una certa autorità, dalle decisioni alle concrete manovre.

In un probabilissimo esecutivo Draghi, Silvio Berlusconi spiccherebbe come ministro dell’economia o degli esteri, mentre Guido Bertolaso andrebbe nella naturale collocazione di Capo della Protezioni Civile con l’alternativa degli interni. Finalmente, con il trio Berlusconi-Bertolaso-Draghi, torneremo ad avere un Governo competente, fatto di numeri uno e che all’Italia tiene sul serio. Berlusconi per le competenze imprenditoriali e politiche, Bertolaso per capacità civili e Draghi per autorità mondiale, sarebbe un esecutivo ad hoc per salvare il paese e dargli nuovo splendore.

Se ti è piaciuto questo articolo lascia un commento o sottoscrivi il feed RSS per ricevere i prossimi nel tuo reader.