Allevi: Monza bistrattata dalla presente giunta

Riportiamo il comunicato stampa della lista di centro-destra candidata al comune di Monza e capeggiata da Dario Allevi:

Monza, 30 marzo 2017 – Dalla sala civica di cascina Bastoni si è levato il coro unanime dei residenti di Sant’Albino, stanchi di abitare nel quartiere “più bistrattato dall’attuale Giunta”.

Prosegue il tour quartieri di Dario Allevi, “#ProgettiAMOnza”, che ieri ha fatto tappa a Sant’Albino.

La serata, apertasi con i saluti istituzionali dei partiti della coalizione, ha visto una partecipazione attiva dei Sant’Albinesi che, dopo aver ricordato che i principali e unici interventi operati sul quartiere portassero la firma di un sindaco di centrodestra, hanno consegnato un pamphlet al candidato sindaco Dario Allevi con le priorità più urgenti da affrontare.

Dallo scandalo della rotonda a fagiolo di Viale Stucchi, il cui cantiere abbandonato da oltre due mesi ha condannato il quartiere al totale isolamento dal resto della città, al relativo sovrappasso pedonale, frutto di una progettazione obsoleta e inadeguata, alla denuncia delle condizioni del parco dell’Offelera, oggi ridotto a una discarica a cielo aperto.

Ma ancora. Le richieste della Consulta di quartiere rimaste pressoché inascoltate, così come i progetti del bilancio partecipativo ridotti a meri sogni nel cassetto, la microeconomia locale ridotta al lumicino, con botteghe, officine, esercizi commerciali e artigianali che hanno progressivamente abbandonato Sant’Albino portando con sé ogni possibilità di lavoro per i giovani.

Infine, il tema della mancata sicurezza, diventato un vero e proprio refrain che tutta la città manifesta al candidato sindaco.

“Il nostro impegno preciso- afferma Dario Allevi- è che dal primo giorno del nostro mandato, i cittadini si rendano conto che si è voltata pagina e che è finita un’epoca, l’epoca della tolleranza. Da subito metteremo in campo tutte le nostre forze per il presidio del territorio, facendo squadra con le forze dell’ordine e con la Prefettura e dotando i nostri agenti della Polizia Locale di nuovi strumenti per la lotta alla criminalità. Tecnologia e innovazione sono nostri alleati in questa battaglia: oltre all’implementazione della videosorveglianza, ricorreremo, così come già sperimentato in altre città in Italia, alle “Pattuglie Volanti”: dei microdroni, in dotazione alla Polizia Locale dopo appositi corsi di formazione degli agenti, per la sorveglianza del territorio a 360° gradi

Dalla lotta all’abusivismo edilizio, alle aggregazioni non autorizzate, alla tutela dell’ambiente, tutto potrà essere oggetto di controllo grazie all’occhio bionico di questi nuovi strumenti mai utilizzati a Monza.”

Dopo la reintroduzione del Poliziotto di Quartiere e il lancio di “SOS Cittadino”, numero unico per le segnalazioni dei cittadini, questa è la terza proposta concreta che il candidato Sindaco Allevi svela alla città sul fronte sicurezza: “Non abbiamo la bacchetta magica, ma solo la volontà di riportare Monza a uno stato di normalità, in cui nessuno abbia più paura ad uscire per strada e si senta prigioniero in casa propria.”

Il tour dei quartieri #ProgettiAMOnza sarà il prossimo 6 aprile presso il Centro Civico San Gerardo, in Via Lecco 12. Chiunque può partecipare al confronto anche attraverso i canali social, scrivendo agli account dedicati.

 

Se ti è piaciuto questo articolo lascia un commento o sottoscrivi il feed RSS per ricevere i prossimi nel tuo reader.