A Natale c’è…l’iniziativa che mette in vetrina la qualità del lavoro

Un progetto che descrive e collega le emozioni, la qualità e il valore delle aziende

di Francesco Manfredi, LaCritica

Vivi in un’epoca in cui è divenuto sempre più difficile trasmettere il senso più profondo e intimo del tuo lavoro: qualità, passioni e valori, ingredienti che somministri ad un pubblico sempre più ristretto, assordato dal digitale.

Vivi in un’epoca in cui i modi di espressione si sono nel tempo moltiplicati, consolidando nel pubblico quel senso di confusione dei valori che ha portato a sostituire l’attenzione con il  numero e la sensazione con un semplice messaggio.

In quest’epoca, tanto le aziende quanto le persone, sono divenuti succubi di un mercato urlante, caotico, oppressivo e assillante. 

Cosa prevede l’iniziativa?

Il progetto amplifica la voce delle tante realtà economiche ed artigianali che caratterizza e colora la cultura imprenditoriale del territorio. 

A Natale c’è…una iniziativa che dà spazio al tuo racconto e alla tua promozione natalizia, amplificando le tue parole e sensazioni, i sacrifici, le ambizioni e i lati più intimi del tuo prodotto o servizio, portandoti al di fuori della tua solita visibilità: nel digitale, ad un pubblico certo, vasto ed evoluto. 

Allo stesso tempo, a Natale c’è … uno spazio per i lettori dove leggere e conoscere ciò che li circonda e di cui andare orgogliosi: le potenzialità di un territorio magico che da anni, oramai, considera il lavoro come un vero e proprio stile di vita. 

A Natale c’è…per gli stessi lettori una più grande potenzialità di acquisto verso realtà al di fuori del solito centro commerciale sotto casa: professionisti come te, che mai avrebbero potuto conoscerti al di fuori del digitale.

Quali contenuti verranno pubblicati e dove?

In una landing page editoriale, collegata da dei banner situati nelle home delle testate giornalistiche coinvolte, verranno raccolti articoli e video che descriveranno la magia che avviene nella tua azienda: la trasformazione di una idea o di un sogno in un prodotto. Sia esso un bene piuttosto che un servizio. 

Da questo luogo digitale, nel quale si infonderà luce ed energia ai racconti delle aziende, i giornali daranno movimento ai contenuti rilanciandoli sui propri canali e mezzi di comunicazione: i social e le Newsletter redazionali.

QuiBrianzaNews, BrianzaPiù e LaCritica unite per uno scopo ben preciso. Collegare fra loro le emozioni, le qualità e i valori delle aziende e dell’artigianato del territorio. 

I curatori del progetto

Un compito senz’altro arduo raccontare con le parole giuste la bravura e la qualità degli imprenditori. Non è affar di tutti. Fra questi, vi sono senz’altro Carlo Gaeta e Claudio Calvi.

Anime di Epickonomia, start up innovativa nel campo di comunicazione, paladina di una comunicazione sostenibile in ogni campo, sia editoriale, sia commerciale. Professionisti della parola e ambasciatori della comunicazione, quella fatta di sensazioni ed emozioni.

Gaeta è sul palcoscenico da oltre quarant’anni. Conduttore e direttore programmi radiofonici, giornalista per note testate nazionali ( Il Giornale, ANSA, Il Giorno, Avvenire e molto altro ), formatore, addetto stampa, consulente d’impresa e direttore di ufficio di comunicazione di importanti e rinomate aziende italiane, oltre che di società sportive e organizzazioni datoriali. Carlo doma a suo piacimento il dono della parola spaziando negli ambiti più variegati della società. Dal mondo dello sport a quello istituzionale, passando per il mondo dell’impresa e della politica. E i segreti della comunicazione, sul foglio bianco che ha di fronte, d’improvviso appaiono illusioni.

Capacità condivise da Claudio Calvi, editore e anch’egli giornalista di lunga data. Claudio è un eccellenza brianzola per definizione. In campo sportivo, è l’autore italiano più premiato di tutti i tempi. I venticinque racconti scritti che hanno conseguito i principali premi nazionali di settore e l’intensa e vincente attività da autore teatrale testimoniamo come Calvi sia un profondo conoscitore di quella scienza che utilizza le parole per raccontare una storia avvincente e avvolgente. Quella scienza oggi definita Storytelling. A prescindere da quale sia la tematica da affrontare. Perché a questi livelli, non ha alcuna importanza. 

E per ultimo, Francesco Manfredi. Amministratore di Elite Business e consulente aziendale, si occupa di comunicazione e marketing. Autodidatta e alla ricerca di nuovi modi di comunicare, sta sviluppando un nuovo sistema di trasmettere i valori e l’essenza delle aziende attraverso l’animazione, allo scopo di rendere facile, piacevole ed efficace il messaggio trasmesso. Manfredi contribuisce nella redazione su LaCritica di alcuni articoli e pensieri sul mondo del lavoro, della politica e della comunicazione aziendale, oltre a un nuovo blog personale, nel quale parla esclusivamente di tematiche inerenti alla comunicazione e al marketing aziendale.

Una iniziativa culturale

L’idea nasce allo scopo di dare visibilità e importanza alle attività imprenditoriali del territorio. Affinché si torni a essere visibili come anime di un territorio vivo, intraprendente e produttivo, mettendo in campo non urla ma parole sul valore più profondo di un prodotto.

A Natale si lascia parlare il cuore. E forse anche per questo motivo si è voluto dare un aspetto sostenibile all’investimento. E difatti, se mentre la qualità del servizio è eccelsa in ogni lato in cui viene vista e assaggiata, il costo risulta essere perfino banale se si accostano altri servizi di pubblicità come un semplice banner o uno spazio su un giornale locale stampato. 

Ma l’aspetto che si vuole evidenziare è quello culturale. Un progetto che diventi un riferimento nella comunità. Raccontare la qualità dell’operosità artigianale e imprenditoriale del territorio si può e si deve, ma bisogna farlo in maniera innovativa, sapendo che tutto ciò che è stato finora, comunicazione e pubblicità, da solo, non serve a niente.

In fondo comunicazione sostenibile è… emozione. Riscoprire la felicità racchiusa anche in quelle cose inanimate, che all’apparenza appaiono vuote e insignificanti. Dare in dote al lettore il punto di vista che gli consenta di guardare, e non solo vedere, tutto ad un tratto, l’elemento emozionale che dà un senso di valore.

In fondo a Natale…basta un pensiero. E ogni pensiero, è innovazione.

Ecco. Questo è. A Natale c’è…

…e a proposito di pensieri…

Esagerare emozionando. Con questo motivo per i primi clienti, si è voluti arricchire l’offerta di un contenuto ulteriore. Ma questa è una sorpresa…

Scrivi una mail cliccando qui o telefona al numero 338 7923586 per avere ulteriori informazioni su come aderire all’iniziativa.

Lascia raccontarti la nostra idea…

Se ti è piaciuto questo articolo lascia un commento o sottoscrivi il feed RSS per ricevere i prossimi nel tuo reader.