9.9.2014 WISH WE COULD SAY MORE. Il Keynote della Apple per iPhone 6, Apple Watch e Apple Pay.tto

C’era una bella atmosfera al Keynote organizzato da Apple per presentare i suoi nuovi prodotti.

Tutte novità ampiamente annunciate, per via delle fughe di notizie  di questi mesi, al contrario di quanto accadeva ai tempi di Steve,  ma che hanno riservato qualche sorpresa.
A fine  evento, pare che molti degli esperti presenti abbiano dichiarato che i concorrenti sono praticamente morti.
Questo perchè, se è pur vero che altri offrono telefoni simili a quelli presentati oggi, se sul mercato si reperiscono altri smart watch come pure ci sono altri smartphone dotati di tecnologia NFC, Apple è l’unica che, proponendo al mercato queste tre cose, sembra avere una visione che potrebbe essere vincente, anche se, al solito, saranno i clienti a dirci se effettivamente è così.

Facciamo ora una breve carellata su quanto presentato oggi.

iPhone

Quando abbiamo visto i nuovi telefoni   messi a paragone con il 5S, di per sè già maggiorato rispetto all’originale. ci è venuta in mente una battuta che riecheggia,  un vecchio slogan in auge anni fa fatto da un produttore di grappa: sempre più lungo! E largo, naturalmente.
Spinta dalla concorrenza, anche Apple  si è convertita ai telefoni stile “racchetta da ping-pong”, ma lo ha fatto da par suo.

Innazitutto, i  modelli sono due: iPhone 6 e iPhone 6 Plus.
Se il 6 ha uno schermo da 4,7″, il 6 plus arriva a 5,5″, Il vecchio 5, per fare un paragone, si fermava a 4″.
Tecnologia Retina HD e iPS,  risoluzione altissima, per il tipo di device,  dei medesimi  con una densità di 32 ppi e oltre 2.000.000 di pixel . (6 Plus).
Nella filosofia Apple, convinta che non sia solo un numero strabiliante di pixel a determinare la qualità di una foto, la casa di Cupetino ha rinnovato questo reparto con un nuovo sensore, la messa a fuoco automatica, la stabilizzazione dell’immagine digitale (6) e ottica (6 Plus).

Dotati di un nuovo processore più potente A8, della tecnologia Near Field Communication (N.F.C. – Comunicazioni di prossimità) che sarà uile da subito negli States per pagare attraverso Apple Psy, ma che da noi al momento  servirà per abbinare al cellulare casse acustiche e simili.
A bordo anche un nuovo processore per la grafica, molto potente, un sensore di pressione per l’altitudine, la tecnologia di connessione dati LTE a 150 Mps, (non supportata, al momento da nessun operatore Italiano, per quel che ci risulta), che permette, ove consentito, di fare chiamate over LTE, ossia via dati.

Nonostante gli schermi più ampi, l’autonomia risulta pari al vecchio modello, se non un filo superiore.
Il Wi-Fi è finalmente di ultima generazione.

Disponibili nei tre colori oro, grigio siderale e argento iPhone 6 costa 729 euro per il 16GB, 839 euro per il 64GB e 949 euro per il 128GB, mentre iPhone 6 Plus costa 839 euro per il 16 GB, 949 euro per il 64GB infine 1.059 euro per il 128GB.
Se vi sembrano tanti soldi, considerate che sul modello più costoso, ben  € 197 vanno alla Siae ed allo Stato.

Il telefono sará disponibile in U.S.A. ed in altri sei Paesi dal 19 Settembre, mentre in Italia probabilmente dal 3 Ottobre.

Apple Watch

Particolare enfasi è stata posta alla novità assoluta di Apple, dove sono stati rievocati i successi epocali del passato, come il Mac, iMac e lo stesso iPhone.

Apple Watch  ,  dice  Jony Ive, manderà in crisi il mercato degli orologi.

Due diverse dimensioni e tre modelli,  denominati con come Watch, Watch Sport e Watch Edition fatti con diversi materiali  quali acciaio inox, alluminio e oro 18k e cinturini in silicone, metallo, pelle e maglia, grazie ad un sistema di aggancio che lascia scorrere il cinturino di lato sulle apposite fessure.
Sempre in tema di personalizzazioni, elemento più volte sottolineato da Apple, sono disponibili una infinità di quadranti dal momento che sono digitali.

Schermo in vetro zaffiro, flessibile e sensibile alla pressione, in modo di compiere azioni diverse a secondo di quanto il display viene premuto.
Particolarità è la corona digitale che permette di interagire con l’orologio facilitandone l’uso.
L’orologio sul retro è realizzato in ossido di zirconio, ha un vetro zaffiro a protezione dei sensori per il battito cardiaco,dell’accelerometro, di un giroscopio.

Il retro dell’orologio è realizzato in ossido di zirconio con quattro lenti zaffiro che proteggono i sensori in grado di rilevare il battito cardiaco, nonché accelerometro e giroscopio che contano i passi ed aiutano a monitorare l’attività di fitness dell’utente.
Non occorrerà regolare l’ora, perché grazie al GPS,  saprà sempre come regolarsi da solo.
Supporta  NFC per i pagamenti Apple Pay.
In arrivo nei primi mesi del 2015 a partire da 349 dollari.

Apple Pay

Apple Pay è il sistema di pagamento degli acquisti che utilizza un iPhone dotato di sensore N.F.C., attualmente abilitato solo in U.S.A. con le tre principali carte di credito: American Express, Visa, Master Card.
Molte catene  già si sono attrezzate.
La particolarità, che rende sicuro questo sistema di pagamento , è il fatto  che viene generato per il controllo un codice usa e getta.

Di questo e del resto, ne parleremo diffusamente nei prossimi giorni.

Fabio Ronchi

Se ti è piaciuto questo articolo lascia un commento o sottoscrivi il feed RSS per ricevere i prossimi nel tuo reader.